Alessandra Cappuccio di Italpol: “Il valore aggiunto di Sabanet è l’assistenza”

Non passa certamente inosservato l’entusiasmo di Alessandra Cappuccio, ufficio paghe e contributi di Italpolsocietà leader nel settore della vigilanza e delle investigazioni, fondata a Roma nel 1975 – quando racconta dell’incontro tra Sabanet e l’azienda per la quale lavora.

Abbiamo inserito la sua testimonianza nella sezione “case history” del nostro sito web, perché siamo profondamente convinti che non ci sia niente di più utile – per chi è alla ricerca di uno strumento o programma completo capace di gestire tutte le funzioni aziendali – di un caso di studio reale.

Italpol Vigilanza srl

Alessandra, come sei venuta a conoscenza di Sabanet e quali prodotti stai utilizzando?

“Ho conosciuto Sabanet attraverso un dipendente che si trovava in un altro istituto di vigilanza e che all’epoca utilizzava EasyPlan Web. Quando è arrivato in Italpol ci ha parlato bene del programma, abbiamo fatto un’indagine di mercato e dopo aver valutato altre soluzioni, abbiamo incontrato e accolto Armando Reale (direttore commerciale Sabanet, ndr), che ha illustrato EasyPlan Web all’operativo. Nel 2016 abbiamo iniziato ad usarlo.

Da allora – prosegue Alessandra – sono state apportate delle migliorie ma non perché il programma fosse incompleto o scadente, ma perché a noi occorreva un software su misura. Sabanet è stata in grado di fornirci quello che potrei definire “un abito sartoriale”. Qualunque richiesta avanzata fino ad ora è stata presa in carico e questo rappresenta uno dei valori aggiunti di Sabanet.

Faccio un esempio pratico per sottolineare l’importanza di avere un software gestionale ERP che funziona. Mi occupo del personale e delle paghe; questa attività deve andare di pari passo con quella dell’operativo che si occupa delle presenze, perché se viene fuori una paga sbagliata ci sono problemi.

Con EasyPlan Web non accade e anzi ciascuna attività è connessa all’altra”.

Come sei riuscita a migliorare il lavoro con il software ERP di Sabanet?

“Premesso che un programma più lo usi e più ti accorgi come migliorarlo in base alle esigenze dei gruppi di lavoro, ho sempre trovato EasyPlan Web estremamente semplice. Certo, le prime volte che lo usi rischi di sbagliare, le verifiche però esistono per questo. Certo è che EasyPlan Web ha fatto sì che migliorassimo soprattutto il modo di lavorare”.

Questo nuovo modo di lavorare, per l’appunto, quale impatto ha avuto sulla produttività del team?

“All’inizio le anagrafiche – pensa, siamo 2500 dipendenti distribuiti tra le aziende del gruppo – erano difficili, perché c’era una serie di dati da inserire che nel vecchio programma non erano contemplati. Il lavoro di controllo iniziale è stato, pertanto, immane. Facevamo alcune stampe a mano, oggi invece abbiamo digitalizzato tutti i processi e il risparmio di tempo (e denaro, di conseguenza) è assolutamente visibile”.

Se dovessi descrivere il valore aggiunto di Sabanet, quale sarebbe?

L’assistenza – risponde senza alcun dubbio Alessandra – perché se trovi persone preparate (quando le trovi, ride), il problema lo risolvi in giornata. È quello che capita a noi con Sabanet, è quello il valore aggiunto, al di là della funzionalità del programma”.

L’essenziale per noi in Italpol è che il nostro partner digitale sia presente.

Che rapporto c’è con il reparto Consulenza di Sabanet?

“Ottimo, specie con Valeria Marci (responsabile area Consulenza, ndr) con le quali ci concediamo spesso delle riunioni per fare il punto della situazione.”

Riguardo la digitalizzazione dei processi, che previsioni fai per il settore della vigilanza?

“C’è sicuramente una ripresa del settore non armato e in generale la vigilanza, in questo periodo, è aumentata; vuoi per il periodo che stiamo vivendo, vuoi per la misurazione della temperatura. Sulla digitalizzazione, devo ammettere che la vigilanza si sta attrezzando.”

E a proposito di questo – aggiungiamo noi di Sabanet – è proprio grazie all’innovazione e alla professionalità che Italpol ha vissuto un’importante espansione sul territorio nazionale. Oggi l’azienda conta sedi nel Lazio, in Lombardia, in Campania e in Sardegna e un fatturato di oltre 100 milioni di euro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.