In che modo si dirige meglio un’azienda con i processi di reingegnerizzazione?

Creare connessioni con il territorio e con i giovani talenti che lo popolano: è l’obiettivo di Sabanet, che da quando ha avviato il suo business nella città dei due mari non ha fatto altro che allargare la sua famiglia scommettendo sulle persone.

Il 15 aprile il network di imprese, che si occupa di consulenza, system integration e software gestionali e che conta, oltre alla sede principale di Taranto, quella di Roma e Milano, traccerà un percorso nuovo e appassionante, direzione Università; più precisamente, direzione Politecnico di Bari, dove Sabanet terrà il workshop “Exploring the relationship between business process reengineering and information technologies.”

Ora, tralasciando per un attimo gli inglesismi, ci piacerebbe raccontarti quello che facciamo attraverso la testimonianza di chi vive Sabanet quotidianamente, di chi cioè lunedì 15 aprile porterà in cattedra non una serie “pazza e disperatissima” di dati, o meglio non solo quelli, bensì la sua esperienza, la sua storia personale fatta di sfide (piccole o grandi che siano, non fa differenza) e ambizioni.

Andrea Sestino –  Michael TuzziDino De Benedictis

Sabanet è un luogo dove realizzare sogni, dove creiamo soluzioni ovunque siamo e per chiunque operiamo. Il nostro lavoro non conosce confini; i clienti che seguiamo, d’altronde, sono sparsi in tutta Italia.

Esplorare la relazione tra la reingegnerizzazione dei processi aziendali e le tecnologie dell’informazione è il primo vero passo per comprendere come sia possibile migliorare il modo di operare e dirigere un’azienda impiegando i sistemi informativi.

Non è facile reingegnerizzare con successo, poiché la riprogettazione e la realizzazione di un processo aziendale interfunzionale comportano una complessa combinazione di cambiamento organizzativo e di introduzione di infrastrutture innovative di informatica e telecomunicazioni. E sappiamo quanto il cambiamento spaventi. Tuttavia, per fare in modo che tutto funzioni e l’azienda cresca occorre informarsi, studiare e osservare attentamente.

Come si svolgerà il workshop del 15 aprile?

Il workshop si aprirà con la testimonianza di Gianfranco Zizzo, CEO di Sabanet, che presenterà l’azienda. A seguire, Andrea Sestino – responsabile Ricerca e Sviluppo per Sabacom Engineering – spiegherà ai ragazzi la relazione tra Business Process Engineering e l’apporto delle information technology nella gestione e organizzazione aziendale.

“Dobbiamo considerare il rapporto con le 3 c (clienti, cambiamenti, competizione sul mercato) e l’analisi dei fabbisogni della clientela che spingono le imprese a rinnovarsi – commenta Sestino -. Per far ciò le imprese si approvigionano da fonti innovative basate sulla reingengierzzazione dei processi e supportate dalla IT, che riesce a garantire l’appoggio prima della progettazione, durante e dopo.”

Dopo un breve energy break powered by RedBull, l’ing. Dino De Benedictis CTO, interverrà mostrando una piattaforma web real-time di sviluppo e software. “La tecnologia deve essere al servizio del cliente, per il quale troviamo sempre soluzioni – commenta De Benedictis – ed è questo che ci fa fare la differenza sul mercato.”

Infine, per rendere la lezione ancora più pragmatica, il Dott. Michael Tuzzi Software Developer, si occuperà di spiegare l’architettura del sistema, di come viene implementato e migliorato di volta in volta dopo il feedback del cliente. “Cerchiamo di essere innovativi quando soddisfiamo le richieste dei clienti – aggiunge Tuzzi – e il nostro valore aggiunto, oltre all’esperienza e al background di conoscenze maturato, è la nostra predispozione al cambiamento, la nostra flessibilità e la voglia di intraprendere sempre sfide nuove.”

E poi? Toccherà a te! Alle ore 13 potrai incontrare il team Sabanet che farà recruitment. In bocca al lupo!

La locandina ufficiale

Sabanet Workshop e Career Day
Lunedì 15 aprile – Ore 9,00
Politecnico di Bari
Aula 10 – Politecnico di Bari, Campus Universitario Via E. Orabona, 4

Seguici sulla nostra Pagina Facebook

Leave a comment