Whatsapp: 5 punti da considerare sulla sicurezza quando scambi documenti

Piattaforma di collaborazione aziendale: è preferibile a WhatsApp?

Diciamocelo chiaramente e senza troppi giri di parole: è capitato a tutti di scambiare documenti tramite WhatsApp. La motivazione più comune, quella che ci siamo raccontati, è: “WhatsApp è più semplice e veloce”.

C’è un tema, però, che semplice non è e stiamo parlando della sicurezza, argomento che merita certamente un’attenzione profonda. Già, perché con la sicurezza non si scherza, soprattutto se consideriamo il sondaggio di Federprivacy dal quale è emerso che, su un campione di 1000 professionisti e manager d’impresa italiani, la metà degli intervistati (52%) utilizza il proprio smartphone per fotografare documenti di lavoro riservati, scambiare informazioni, dati dei clienti.

Solo uno su quattro ha, inoltre, ammesso che ogni tanto sbaglia destinatario. L’aspetto che preoccupa maggiormente è che tra le informazioni scambiate rientrano password, dettagli di carte di credito, informazioni bancarie etc.

Insomma, ci sono fiumi di informazioni confidenziali che scorrono attraverso le app di micro chat.

whatsapp sicurezza

A questo punto ci chiediamo: vale la pena, in nome della praticità, pagare un prezzo carissimo per la violazione della privacy e della sicurezza?

La domanda è ovviamente retorica, eppure la nostra esperienza ci ha insegnato quanto sia indispensabile scegliere la giusta piattaforma di collaboration e che non sempre le piattaforme più “usate” sono anche quelle più sicure. Pensiamo al caso Zoom, scoppiato lo scorso anno.

All’interno della nostra software house, prima di decidere di scegliere la piattaforma di collaboration e unified communication, ci abbiamo pensato a lungo.

Alla fine, con il supporto del nostro partner Openapkin (che si occupa di attività sistemistica e cybersecurity, per l’appunto) abbiamo scelto Wildix, che ci ha fornito il centralino telefonico UC&C web-based e VOIP PBX.

 

Piattaforma di collaborazione aziendale: 5 COSE DA CONSIDERARE PRIMA DI SCEGLIERE QUELLA GIUSTA

  • Fai attenzione all’infrastruttura che utilizzi!

La prima domanda che devi porti è: “Ho all’interno della mia azienda un’infrastruttura di sicurezza adeguata?

Wildix, oltre a darci la possibilità di scambiare documenti e dati in TOTALE SICUREZZA, ci ha dato la possibilità di lavorare in maniera efficace anche e soprattutto a distanza.

  • Scegli un’unica piattaforma con tante funzionalità

Wildix è un’unica piattaforma utile per chiamare, chattare, inviare mail, videochiamare, inviare documenti, condividere lo schermo: insomma, genera una comunicazione unificata in cloud e sicura al 100%.

Nell’atto pratico, quando viene predisposto un centralino Wildix per un cliente, viene creata una macchina virtuale dedicata su un datacenter, con relative risorse ed un elevato livello di sicurezza.

  • Perché Wildix è una piattaforma più sicura rispetto alle più “famose”?

Le cosiddette “piattaforme famose” (ad esempio, Skype, Zoom etc.) fanno capo a server centralizzati che hanno più difficoltà tecniche a garantire privacy e crittografia end-to-end al cliente.

  • Rendi le videoconferenze davvero super!

Il 2020 è stato l’anno delle videoconferenze per i motivi a noi tutti noti. E anche il 2021 non scherza. Per ovviare a tutte quelle paturnie che, chi più e chi meno, ha vissuto durante una videoconference – problemi di audio, video, condivisione schermo etc. – quello che ti suggeriamo di fare è scegliere un luogo virtuale tale da mettere gli utenti nelle migliori condizioni possibili.

Il fatto che Wildix offra l’opportunità di invitare un numero illimitato di persone e dia la possibilità di invitare chiunque anche semplicemente con la condivisione del link della conferenza (link che può essere aperto da qualsiasi piattaforma – mobile e non – senza installazione di software), è uno di quei motivi che ci hanno spinto a scegliere questo partner.

  • Preparati ad un futuro sempre più interconnesso!

In conclusione, il fenomeno dello Smart Working è una pratica che sarà sempre più richiesta negli anni a venire, per questo motivo (e per il fatto che sempre più aziende stanno lavorando da remoto), è il momento giusto per prepararsi ad un futuro sempre più digital e interconnesso, che in molte realtà è già presente!

Contattaci per avere più informazioni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *