Dove eravamo rimasti: “Costruiamo un nuovo inizio!” La lettera del CEO di Sabanet

Se fino a qualche mese fa l’hashtag ricorrente sulle nostre bacheche, nelle chat di Whatsapp, nelle grafiche pubblicitarie, sui social era #iorestoacasa, ora diventa (per noi di Sabanet) #doveeravamorimasti.

Ci stiamo preparando a tornare, ci prepariamo a riaprire le porte della nostra masseria, a riabbracciarci (ehm, vabbè, per quello aspetteremo); ci prepariamo a guardarci di nuovo negli occhi e ci prepariamo a guardarci con occhi nuovi, sicuramente più consapevoli.

Oggi abbiamo ricevuto una email dal nostro CEO, Gianfranco Zizzo che, oltre ad annunciare la fatidica data in cui a turno rimetteremo piede in azienda, ha riavvolto il nastro.

Di seguito riportiamo le sue parole:

Quella di lunedì 9 marzo 2020 resterà una data importante nella storia del nostro network. Segna il primo giorno di chiusura delle nostre aziende causa “Covid-19”. Una risoluzione aziendale che ha anticipato i provvedimenti annunciati poi dal Governo nella stessa giornata.

L’Italia diventava “zona protetta”. Di fatto le nuove regole si raccoglievano nell’ormai familiare hashtag #iorestoacasa: si può uscire solo per comprovate ragioni di necessità. E questa è stata la nostra nuova realtà.

Eravamo del tutto ignari dell’emergenza sanitaria che si sarebbe creata, così come non avremmo mai pensato, all’epoca, che questo virus avrebbe potuto causare tanti problemi a livello individuale e collettivo, per la salute, per i sistemi sanitari ed economici. Ma in poco più di due mesi lo scenario globale è cambiato radicalmente e noi abbiamo dovuto adattarci e far fronte alle nuove esigenze.

È stato facile? Certo che no!

La sospensione dell’attività e l’avvio della CIG sembrava essere l’inizio di un incubo. Ma siamo riusciti a vedere oltre i limiti del momento e a cogliere l’occasione che si presentava per sperimentare una nuova organizzazione lavorativa, una nuova sfida aziendale. Abbiamo capitalizzato il sacrificio imposto e lo abbiamo convogliato in un progetto ambizioso: proiettarci in una nuova dimensione lavorativa, con una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro ma basato sul senso di responsabilità e di appartenenza svolgendo l’attività lavorativa sempre in team con la formula combinata #iorestoacasa e #distantimauniti. Un esame di maturità per tutti noi.

Per cui, grazie. Grazie per i sacrifici che hai fatto per l’azienda, niente affatto banali e scontati, e per questa nuova prova che hai affrontato, che abbiamo affrontato!

Possiamo affermare che siamo stati bravi. Il risultato conseguito ha mostrato un bel segnale di crescita professionale e l’orgoglio di “appartenere”, nella consapevolezza di essere “parte”, di condividere la vision aziendale apportando il proprio contributo necessario per il conseguimento dell’obbiettivo comune.

Il Coronavirus ha cambiato le nostre vite e le nostre abitudini, ci ha trasformato culturalmente ma ci ha anche fatto acquisire nuove consapevolezze. Sei d’accordo?

#doveeravamorimasti

E’ un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine”

Questa celebre frase rimane non solo il simbolo della fiducia ma anche della certezza nella ripresa. Con questo spirito quindi affrontiamo adesso la nuova fase. Ripartiamo, con oculatezza, con le dovute cautele, con nuove formule per tornare con fiducia a riappropriarci delle nostre certezze e delle consuetudini.

E quindi si ricomincia da dove eravamo rimasti. Si ricomincia dai nostri uffici, rinnovati, riadattati e pronti ad accoglierci. Si ricomincia con una nuova organizzazione delle attività, con una nuova formula, un’ulteriore sfida che però affrontiamo con la certezza di essere più maturi e coscienti di una reciproca e rafforzata fiducia.

15 giugno 2020 – La ripresa

Abbiamo scelto di essere cauti, privilegiando ancora la sicurezza di tutti noi e quindi, immuni da frenesie, abbiamo programmato la riapertura degli uffici al 15 giugno per mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari ad una ripresa ordinata e vigilata. Ovviamente dovremo osservare nuove regole comportamentali ed organizzative per consentire la prosecuzione delle attività in maniera serena e programmata. Per cui sono state predisposte dagli uffici preposti le circolari contenenti i protocolli organizzativi e sanitari che saranno consegnate ed alle quali dovremo attenerci per poter esercitare le nostre attività in sicurezza e serenità. 

Buon nuovo inizio,

Gianfranco Zizzo

Un grazie al nostro Team Comunicazione

Oggi abbiamo deciso di impossessarci del blog di Sabanet, sottraendolo alle “grinfie” di Stefania. O meglio, ad una Stefania.

Ebbene sì, perché dovete sapere che dietro questo blog, ed in realtà dietro tutto il nostro Team di Comunicazione ci sono “Le Stefanie”. Stefania Ressa, giornalista e Communication Specialist e Stefania Altamore, Graphic Designer.

E mentre consulenti, commerciali e collaboratori sono sempre in prima linea, le Stefanie lavorano incessantemente, dietro le quinte, accontentando tutte le infinite e spesse volte complesse richieste: nuove brochure, materiale promozionale, biglietti da visita, canali social. Tutto ciò che “vedete e toccate” di Sabanet, passa dalle loro mani.

Stefania Ressa persa tra riadattamenti di brochure, comunicati stampa, analisi e comunicazione tra i mille profili social del network (a proposito, vi aspettiamo su Facebook, Instagram e Linkedin), è nota per il suo background da Giornalista, la sua passione e professionalità nel settore wine: è grazie a lei che in Fiera Sicurezza 2019 potrete degustare prodotti tipici dei nostri luoghi, mentre vi appresterete a conoscere i nostri prodotti e servizi. Ma intanto, non vogliamo svelarvi nulla in anticipo.  


Stefania Ressa e Stefania Altamore

Stefania Altamore, indaffarata tra i mille impegni da mamma, non perde un secondo per barcamenarsi tra le innumerevoli bozze e disegni – spesse volte partoriti tra una trasferta e l’altra, durante un viaggio in auto o in aeroporto – cercando di interpretarli, ispirandosi per trasformarli con una veste grafica tipica del nostro stile comunicativo. I loghi dei nostri prodotti, del nostro Network e tutto il materiale grafico brandizzato sono frutto del suo meticoloso lavoro.

Ma non sono sole: mentre ad aiutarle c’è Daphne, nostro back-office commerciale e supporto al sito web, a sobbarcarle di continue richieste noi altri del “Creative Corner” (non odiateci!) Ed è così che dopo tanti post e repost, articoli e comunicati stampa, spazi in blog dedicati a Sabanet e al suo team, storie su Instagram, dalla Ricerca e Sviluppo, alla Consulenza, al Commerciale, al Development che spaziano da eventi più prestigiosi, sino alle trasferte e scene di vita quotidiana nelle nostre tre sedi, abbiamo deciso di strappare un articolo dal nostro blog, per ringraziarle del lavoro che continuamente svolgono con impegno e professionalità, fondamentale per supportarci presso i clienti, le istituzioni e durante gli eventi.

Cindy Pedone e Daphne Pavone

Siamo entusiasti di essere a Fiera Sicurezza 2019, evento unico del settore, che si terrà a Milano il prossimo 13-14-15 Novembre ed era doveroso ringraziarle anticipatamente per le fondamenta costruite sulle quali costruiremo la nostra presenza durante l’evento. Non da meno, un ringraziamento per i trascorsi OMC Ravenna, SMAU Milano, Workshop in partnership con Università, Enti di Ricerca ed in generale per tutte le attività che ci vedono impegnati.

Un altro grande ringraziamento va rivolto a Cindy Pedone, Illustratice da poco nel team, che ha apportato nuove e fresche idee, e vi aiuterà con un percorso fumettistico a conoscere il nuovo mondo Sabatron, che da qui a poco vi verrà svelato.

Grazie da tutti noi! Il Creative Corner

Stiamo cercando un Project Manager Junior per Sabanet!

Settembre, il mese dei nuovi inizi, dei nuovi obiettivi, dei “quest’anno prometto che lo farò”, è alle porte. Per noi di Sabanet, settembre è anche il mese in cui, dopo aver tirato le somme, ci rendiamo conto che la quantità di lavoro incalzante (grazie al cielo!) può significare solo una cosa: arricchire la squadra.

In che modo? Cercando un altro sognatore come noi da formare, al quale trasmettere le soluzioni gestionali prodotte dall’azienda che, per chi atterrasse per la prima volta sul nostro sito, si occupa di consulenza e di Business Integration e conta 3 sedi: una a Taranto, una a Roma e l’altra a Milano.

Chi stiamo cercando? Un Project Manager Junior.

E no, non snoccioleremo quella sfilza di caratteristiche che spesso si leggono negli annunci di lavoro, né tantomeno ci lasceremo andare a espressioni tipo: “il nostro è un team dinamico”. Il nostro è piuttosto un team di giovani ambiziosi e sognatori, per l’appunto, a cui piace pensare e agire in grande e che ama circondarsi di gente che si lascia precedere dalla passione per quello che fa o andrà a fare.

Tornando a noi e dettagliando maggiormente le nostre necessità, al termine del percorso formativo al nostro project manager saranno assegnati uno o più progetti per i quali è richiesto di gestirne e pianificarne il roll-out nel rispetto dei requisiti e delle scadenze concordate con il cliente. Inoltre, dovrà analizzare e progettare le evolutive del software trasmettendone al reparto sviluppo le specifiche di implementazione.

Requisiti: Laurea triennale/magistrale in Economia o Ingegneria Gestionale.

Sede di Lavoro: Roma o Milano

Invia il tuo curriculum a: recruitment@sabanet.it

Seguici anche sulla pagina Linkedin

SabaParty 2019: la festa estiva di Sabanet!

La grandezza di un’azienda si vede anche dalla grandezza dei party che organizza per il suo staff. Tutti d’accordo?

Sabato 27 luglio la nostra masseria ha ospitato la cena aziendale estiva tra lucine, fiori, spritz e grigliata. Una grande festa a ritmo di musica anni ’90 – con il Gruppo “90 GRADI” – sorrisi e canzoni intonate (o stonate) dalle #SabaPeople a squarciagola.

Qualunque altra parola sarebbe superflua. Lasciamo parlare le immagini.

 

Auguri al nostro megadirettore galattico, Armando Reale!

È tempo di festeggiamenti in questi giorni da Sabanet!

Oggi, venerdì 26 luglio, a spegnere le candeline è Armando Reale, uno dei pilastri dell’azienda, direttore commerciale di grande esperienza.

Malgrado la sua ritrosia a comparire in quella giungla chiamata “social network”, Armando merita – soprattutto oggi – una menzione speciale.

E la merita per la sua simpatia dirompente, per il pragmatismo e la schiettezza che lo precedono. La merita perché persino quella sua tendenza a mettere i puntini sulle “i” è motivo di riflessione. E perché dietro quell’aspetto apparentemente burbero, c’è un uomo e un professionista preparato, divertente (toccasana nelle giornate uggiose), alle volte cinico (e comunque divertente, again) ma sempre acuto e sul pezzo!

Tanti auguri Armando (e non odiarci per questa dichiarazione d’affetto e di stima non richiesta).

Sabanet nel settore retail: il business case di Adidas

Sabanet srl muove i primi passi nel settore retail con un progetto di ricerca sulla Business Intelligence, che coinvolge il colosso dello sport, Adidas, grazie alla società Rino Petino srl, monomandataria del brand per Puglia e Basilicata e che si è affidata a noi per migliorare i processi aziendali decisionali.

Prima di entrare nel dettaglio, è doveroso spiegare cosa è la Business Intelligence e perché è utile.

Cosa è la Business Intelligence e perché è utile nei processi aziendali?

Una delle prime attività per fare impresa è la raccolta di dati al fine di ottenere informazioni, valutazioni e stime riguardo al contesto in cui si opera e al mercato di riferimento. La Business Intelligence, per l’appunto, ricomprende non solo i sistemi di raccolta dei dati finalizzati ad analizzare gli accadimenti trascorsi o attuali, ma anche ad individuare le cause ed i problemi delle tendenze attuali e delle performance ottenute, con l’obiettivo di predire il futuro e simulare scenari possibili in un’ottica di creazione di vantaggio competitivo.

Sante Allegrini, Andrea Sestino, Federica Damasi e Luca Di Serio si sono occupati per Sabanet di seguire il progetto fornendo al cliente una consulenza direzionale, di B.I. e sull’attività di ricerca, che ha permesso di integrare i dati acquisiti e di creare un quadro analitico completo.

Da sinistra Luca, Federica, Andrea

Alla prima fase di estrazione e trasformazione dei dati, è seguita la loro fase di aggregazione multidimensionale – Data Warehouse – e, infine, quella di Data Visualization per la creazione della reportistica. Dopodiché, attraverso la profilazione dei clienti, sono state preparate le campagne di vendita, i cui dati saranno sfruttati per fare analisi di BI (Business Intelligence). Il fine è quello di realizzare un DSS (Decision Support System) utile per supportare i processi di pianificazione strategica.

Perché la Rino Petino srl si è affidata a Sabanet?

Abbiamo in comune con Gianfranco Zizzo (CEO di Sabanet ndr) la stessa visione aziendale ed è questo che ci ha spinto a condividere con lui la nostra mission prima ancora della nascita di Sabanet.

 

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Francesco Petino, responsabile operativo della Rino Petino srl, che non ha dubbi:

“Abbiamo grande fiducia in Sabanet e abbiamo fiducia nel suo modo di operare. La nostra azienda è composta da profili giovani, smart. È evoluta, aperta al cambiamento ed è appetibile sul mercato anche per realtà più grosse.”

Non a caso, sinonimo di questa apertura è l’aver abbracciato un progetto di ricerca ambizioso che per Petino ha un significato ben preciso:

“Formazione è potere e la conoscenza dei numeri ti permette di prendere decisioni più oculate. Senza i numeri, il rischio è di prendere decisioni ‘a naso’, anche se non bisogna mai perdere la soggettività nel leggere e interpretare i dati. Per questo motivo, puntiamo a crescere per far capire ad Adidas che vogliamo rafforzare il fronte E-commerce, quello degli store fisici e quello della nostra agenzia che resta, per Puglia e Basilicata, monomandataria del brand.”

In bocca al lupo Luciano Giungato, nuovo responsabile della sede di Milano!

” Ama ciò che fai, sempre e senza compromessi.”

Non poteva esserci frase migliore – che poi è quella abbinata al suo profilo in Sabanet – per augurare buona fortuna a Luciano Giungato, project manager, consulente e nuovo responsabile della nostra sede di Milano.

Un salto in lungo, quello da Taranto alla città meneghina, degno della medaglia d’oro alle Olimpiadi del lavoro. Ma si sa, la vita è imprevedibile, mescola continuamente le carte, foriera di tempesta alle volte, foriera di opportunità, alle altre. Per Luciano vale la seconda.

Perché, se è vero che all’inizio il cambiamento paralizza, in un secondo momento diventa una condizione sopportabile che tanto la mente quanto il cuore accolgono di buon grado. A Luciano è successo questo e a partire da lunedì 10 giugno volerà in Lombardia. Non lo farà solo, porterà con sé la sua famiglia, la moglie Francesca e i 3 figli, Chiara, Francesco ed Etra. Con loro inizierà a scrivere un nuovo capitolo della sua esperienza professionale e umana in un territorio che – per quanto complesso – premierà il suo coraggio.

Per cui, grazie Luciano!

Grazie per il valore aggiunto che hai dato alla sede di Taranto fin dall’inizio, grazie per l’entusiasmo che ti ha sempre preceduto e a quello sguardo rassicurante che i ragazzi della Sabanet Academy difficilmente dimenticheranno. In realtà, non solo loro; perché diciamolo, le tue doti da formatore incallito le hanno testate un po’ tutti. D’altronde, sei con la Sabanet dagli albori e ne hai vista acqua passare sotto i ponti.

Grazie per la tua precisione, segno di un atteggiamento rigoroso e puntuale, per la generosità di averci coinvolto spesso – come ha fatto notare Daphne – nel tuo mondo. Un mondo fatto di impegno nei confronti di Taranto (encomiabile la tua militanza nel WWF), di conoscenza e di consulenze scrupolose.

Mostra ai milanesi un po’ di entusiasmo “terrone” quando li accoglierai nella sede di Milano di Sabanet!

Sabanet, Sabacom Engineering e TEMAGroup: tutti per uno, uno per sette

Da una parte Sabanet, società di consulenza che si occupa di Business Intelligence e System Integration, dall’altra la nostra partecipata, Sabacom Engineering, che ha fatto della Ricerca & Sviluppo il suo cavallo di battaglia. Entrambe fanno parte del consorzio TEMAGroup: una rete di imprese che fornisce proposte global service in un formato chiavi in mano che riguardano la consulenza, la progettazione e fornitura di servizi e sistemi per la safety e la security nel campo industriale, marittimo e civile. Continua a leggere

Elevarsi con il project management

“Il project management è l’applicazione di conoscenze, capacità professionali e personali, metodi, tecniche e strumenti alle attività di un progetto, al fine di soddisfarne i requisiti.” 

– Project Management Institute, PMBOK – IV Edizione (2008)

 

Che cosa significa affidarsi a una gestione per progetti?
Vuol dire ridurre i rischi connessi alle attività, per costi e tempi, grazie ad una corretta pianificazione delle risorse aziendali.

Gli obiettivi del progetto saranno raggiunti:
– entro i tempi previsti;
– nell’ambito dei costi preventivati;
– con il livello di prestazioni e/o di tecnologia desiderati;
– utilizzando le risorse assegnate in maniera efficace ed efficiente;
– con l’accettazione e la soddisfazione dei clienti.

L’intero team di lavoro sarà elevato verso performance più alte.

Sabanet e project management

I project manager del network Sabanet gestiscono i progetti in tutte le loro fasi, perseguendo la realizzazione degli obiettivi grazie alle loro attitudini, conoscenze, competenze e strumenti e rispettando i vincoli stabiliti dal cliente.

La consulenza, il cuore del network

In un mercato sempre più complesso e competitivo il ruolo del consulente diventa un faro per guidare le aziende e schivare gli imprevisti. Il mare degli imprenditori è oggi burrascoso ma un buon capitano sa sempre che cosa fare per non perdere la rotta. È per questo che la consulenza diventa un prezioso alleato per affrontare al meglio le difficoltà e avere chiaro il percorso da seguire.
Qual è la scelta migliore? Quella giusta. È il consulente la persona adatta per far quadrare ciò che si vuole con ciò che si può, rispettando gli obiettivi di business, di crescita e di progresso.
I consulenti sono portatori di soluzioni. Conoscono tutto ciò che riguarda l’azienda e spesso identificano i problemi ancor prima del cliente, fornendo una preziosa analisi che permette di migliorare la qualità del lavoro di chi si affida.

Per il network Sabanet la consulenza rappresenta il cuore dell’azienda, dopo un’attenta analisi dei fabbisogni accompagna la crescita dei clienti.
I nostri project manager si recano direttamente nelle aziende e anche successivamente alla fase start up il consulente resta un punto di riferimento per il cliente, creando un continuo collegamento tra i referenti del progetto.